Prima lezione di cittadinanza: IL COMUNE

Il progetto

Per l’anno scolastico 2013-2014 l’APS “Pensare Politico” in collaborazione con la Provincia di Rimini e il Comune di Rimini propone un percorso di formazione alla cittadinanza per gli studenti dei licei, tecnici e professionali della Provincia di Rimini, che si è articolato nei seguenti tre incontri per le scuole del Comune di Rimini:
• “Prima lezione di cittadinanza: il Comune”: incontro di formazione, alla scoperta dell’istituzione Comunale, rivolto a tutti gli studenti di quarta superiore delle scuole secondarie di secondo grado del Comune e Provincia di Rimini.
• “Una giornata da Consigliere”: simulazione di Consiglio comunale
• “Regioniamo”: visita in Assemblea Legislativa regionale a Bologna, in collaborazione con “conCittadini”

Il tema principale di questo primo momento formativo è dunque quello dell’istituzione comunale.

Verranno spiegate agli studenti la struttura e le funzioni del Consiglio Comunale, le competenze e le funzioni del Sindaco e della Giunta Comunale. Descriveremo inoltre le regole concernenti il sistema elettorale, soffermandoci sul livello locale, e l’iter per la presentazione della candidatura a consigliere comunale, al fine di illustrare ai giovani studenti il modo in cui un cittadino può impegnarsi nel determinare la politica della propria città.

In particolare rivolgendoci alla fascia di età delle classi quarte (17-18 anni), vogliamo costituire un ambito efficace di informazione rispetto a quelli che sono i diritti e doveri del cittadino che si approccia per la prima volta all’elettorato attivo. Riteniamo che la conoscenza di queste nozioni elementari sul funzionamento delle istituzioni comunali e l’esperienza di democrazia partecipativa all’interno del Consiglio Comunale, siano necessarie e fondamentali all’interno dell’offerta formativa scolastica dei licei, tecnici e professionali, che sono chiamati a formare studenti cittadini in grado di prendere parte attivamente alla vita politica della propria città.

Struttura dell’Assemblea

Per rendere più accattivante la presentazione dei vari argomenti trattati, gli interventi degli ospiti sono stati alternati con alcuni video cortometraggi per aiutare i ragazzi a mantenere alta la soglia dell’attenzione e a seguire il percorso logico dell’assemblea, focalizzandosi sui contenuti fondamentali.

PRIMA PARTE
1. “Dall’idea al progetto”: aderire a un partito/lista civica e presentare una candidatura.
2. “Campagna elettorale”: regole e modalità.
3. “Il sistema elettorale”: livello locale.

SECONDA PARTE
“Il Consiglio Comunale”: funzioni, competenze e modalità.

TERZA PARTE
“Il Sindaco”: funzioni e competenze.
“La Giunta Comunale”: nomina e funzioni dei principali assessorati.

Interverranno in merito: Stefano Vitali, Presidente della Provincia di Rimini, Enrico Bronzetti, responsabile ufficio elettorale decentramento e struttura di supporto al consiglio comunale; Mattia Morolli, Consigliere comunale; Andrea Gnassi, Sindaco di Rimini; Massimo Pulini, ass. Cultura; Sara Visintin, ass. Politiche giovanili.

La locandina

1

Realizzazione del cortometraggio “Pensare Politico”.

Durante l’Assemblea presso il palazzetto dello Sport “Flaminio”, a cui hanno partecipato circa 1000 studenti provenienti da diversi istituti del Comune di Rimini, è stato proiettato il cortometraggio “Pensare Politico”, ideato e realizzato dallo Staff dell’Associazione, in collaborazione col giovane attore Tommaso Galvani (Scuola di Teatro Colli, Bologna) e per la realizzazione del quale si ringrazia il locale “Malf” di Rimini.

Il cortometraggio composto da tre parti distinte narra la storia di Lucio Rossi, giovane studente che come la maggior parte dei suoi coetanei non si interessa troppo delle vicende politiche e vive anche la scuola con poca passione e svogliatezza. Ma è proprio tramite la scuola, grazie ad un professore, che Lucio capisce che dalla sua vita vuole di più, e inizia ad informarsi ed appassionarsi soprattutto alle vicende politiche. Questo lo porterà più avanti nella sua vita a candidarsi prima come Consigliere comunale e poi come Sindaco della sua città.

2

3

La Conferenza Stampa

Durante la prima conferenza stampa tenuta dall’Associazione Pensare Politico, Michele Giovanardi (Presidente), Paolo Rossi (Vice-Presidente) e Gabriele Di Vanni (Consigliere), hanno accuratamente introdotto la vita associativa alla stampa locale delineando i punti cardine della prima lezione di Cittadinanza.

A supporto dell’Associazione, durante la conferenza stessa, erano presenti l’Assessore Sara Visintin e Maria Carla Monti (Tecnico responsabile della Segreteria del Sindaco). La conferenza stampa riporterà un concreto seguito, nei giorni successivi si parlerà dell’Associazione sui principali quotidiani e telegiornali locali, sino a raggiungere importanti testate on-line.

4

5

L’evento

RIMINI – Grande e comprensibile soddisfazione da parte degli organizzatori per la presenza degli oltre mille studenti provenienti da diverse scuole superiori della città, che hanno accolto l’invito ad iniziare a “Pensare Politico”. E’ successo sabato 11 gennaio al Palazzetto dello Sport “Flaminio” di Rimini al centro dell’attenzione il Comune, nella prima lezione di cittadinanza, organizzata dall’associazione di promozione sociale apartitica , Pensare Politico, nata dalla intuizione di alcuni giovani studenti universitari.

Educazione civica, Costituzione e storia contemporanea sono materie mancanti nel curriculum di studi delle superiori. Proprio dagli studenti, nasce però, con sempre maggior frequenza, la richiesta ad ogni inizio anno scolastico di approfondire materie come educazione civica o addirittura rendere obbligatoria ‘La Costituzione’ tra i libri di testo. E’ quello che ci hanno raccontato questa mattina a margine dell’evento, alcuni Professori del Serpieri e alunni di altri Istituti. L’iniziativa, gestita dall’Associazione di Promozione Sociale apartitica, “Pensare Politico”, è stata concepita dai ragazzi universitari, promotori dell’incontro per colmare proprio una lacuna presente nel percorso formativo degli alunni di oggi, nel quale mancano quasi completamente tematiche fondamentali per l’esercizio della cittadinanza attiva.

I partecipanti alla mattinata-evento hanno potuto vivere il passaggio dall’apatia e passività, verso la realtà della partecipazione in prima persona, attraverso la video storia di Lucio Rossi, un loro ipotetico (quasi) coetaneo. Lucio, studente del quarto anno di giurisprudenza, capisce che per lui è arrivata l’ora di mettersi in gioco e di sporcarsi le mani. Passa così, nel corso del filmato girato dai ragazzi di Pensare Politico, dal subire passivamente le lezioni scolastiche all’adrenalina della campagna elettorale, fino alla responsabilità dell’elezione a Sindaco e all’emozione di incontrare ragazzi che, come lui qualche tempo prima, pensano di impegnarsi politicamente, al motto di “Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo”. Il video della storia di Lucio è stato inframmezzato dagli interventi di diversi ospiti. Dopo i saluti del Presidente della Provincia Stefano Vitali, che ha incoraggiato i ragazzi: “Se ci siete o non ci siete, non è lo stesso. La vostra partecipazione è fondamentale!”. Spazio poi alle informazioni tecniche relative al “come” sia possibile candidarsi (ed essere eletti) con Enrico Bronzetti, Responsabile dell’Ufficio Elettorale del Comune di Rimini. Una vera lezione frontale su come si eleggono gli organi amministrativi.

Mentre gli studenti potevano interagire in diretta, inviando le proprie domande tramite Facebook alla pagina dell’associazione, ha proseguito, in ordine di interventi, Mattia Morolli, invitato perché
il più giovane Consigliere Comunale che si è reso disponibile. Citando Kennedy, ha ricordato che chi non si interessa della politica deve essere consapevole che sarà essa stessa ad interessarsi di lui. Tra gli interventi anche Andrea Gnassi, Sindaco di Rimini che ha dovuto spiegare quali sono le fattive responsabilità di un amministratore locale. Il Sindaco, ha confessato di essersi riconosciuto, almeno in parte, nell’avventura di Lucio e ha condiviso con i ragazzi la propria idea di politica che “è sentirsi parte di una comunità, per offrire opportunità ai propri concittadini”, aggiungendo inoltre che “voler bene alla propria città è il più bel regalo che si possa fare e ricevere”. L’assessore alla Cultura, tema così caro ai giovani, Massimo Pulini e Sara Visintin, Assessore alle politiche giovanili, hanno portato la propria testimonianza di impegno politico, così diverse: l’uno catapultato nella realtà politica dall’ambiente cattedratico universitario e anarchico, l’altra invece da sempre fin da giovanissima impegnata in un percorso politico.

L’associazione, anche a seguito di alcune recenti polemiche fisiologiche, ci tiene a precisare che, come da Statuto, “non fa riferimento ad alcun partito o movimento politico”, e che al suo interno convivono universitari di destra e di sinistra in totale armonia e con unione e lungimiranza di intenti. Basta questa come piccola grande lezione.  Afferma Gabriele Di Vanni responsabile Comunicazione e Pubblicità nonché socio fondatore di Pensare Politico: “La Voce negli ultimi tre giorni ha cercato di tagliarci le gambe in tutti i modi possibili e immaginabili, e solo loro sanno il perchè. Noi come associazione non ci rivediamo in un giornalismo che con grandi titoli e articoli ipocriti e insensati cerca di attirare a sé una parte di pubblico rinchiudendoci in uno specifico angolino politico. La lezione ha raggiunto il suo scopo di informare i ragazzi su concetti di cittadinanza spesso lontani anche al mondo degli “adulti” e perciò come socio fondatore di Pensare Politico sono orgoglioso del nostro lavoro che continuerà seguendo un programma sempre più ampio, coinvolgente e interessante, superando le critiche infondate e i pregiudizi di coloro che cercano di rovinare il nostro impegno.”

Pensare Politico, forte del notevole entusiasmo riscontrato da parte degli studenti in questa prima uscita pubblica scolastica, assicura che organizzerà altre iniziative, a partire dall’evento “Consigliere per un giorno”, già in programma per sabato 25 Gennaio. Quel giorno gli studenti che si iscriveranno avranno la possibilità di vestire i panni del Consigliere Comunale, discutendo proposte di politica giovanile proprio all’interno dell’Aula del Consiglio Comunale, seduti negli scranni e calati nei panni di assessori e consiglieri. In primavera è invece in programma la “Visita guidata in Assemblea Legislativa”, organo regionale con sede a Bologna composto dai Consiglieri eletti a suffragio universale da tutti i cittadini maggiorenni residenti sul territorio della Regione Emilia-Romagna. Questa visita sarà preceduta da una lezione a Rimini sul funzionamento di tale organo. Gli studenti che vorranno aderire saranno accompagnati in questo percorso da Marco Lombardi, Consigliere regionale, Presidente della Commissione Bilancio, Affari Generali ed Istituzionali.


6